Seguici    
Accedi
 

LEONARDO DA VINCI: GLI STUDI DI ANATOMIA

Leonardo da Vinci (Vinci 1452 - Amboise, Francia, 1519), nel suo sconfinato interesse per la natura, non esita a sezionare cadaveri e inventare tecniche opportune di analisi, come il preparato anatomico. Le ricerche anatomiche di Leonardo furono vastissime, ma egli non riuscì mai, proprio a causa della natura sconfinata dei suoi interessi, a portare a termine la realizzazione di un vero e proprio “trattato di anatomia”, così come mai realizzò un compiuto “trattato di pittura”. L’unità stessa ci illustra il talento eclettico del genio con il passaggio dall’interesse strettamente connesso all’anatomia a quello per la visione, con la scoperta dei principi della stereoscopia, della camera oscura, della fotometria.
Le immagini di questa unità sono tratte dallo sceneggiato televisivo di Renato Castellani, del 1971. Sulla scena rinascimentale “s’innesta”, di quando in quando, la presenza di Giulio Bosetti, il quale, in abiti moderni, funge da cerniera tra passato e presente, coniugando la narrazione-spettacolo con l’intento documentaristico.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo