Seguici    
Accedi
 

LEPTIS MAGNA: SCAVI ARCHEOLOGICI

Il filmato, tratto dal programma Superquark del 1996, ci fa visitare i resti di una delle più ricche città romane del Mediterraneo, Leptis Magna che si trova sulle coste della Libia ed è rimasta sepolta per quasi duemila anni sotto le sabbie del deserto.
Alberto Angela ci guida negli scavi, spiegandoci come si viveva in una delle province più benestanti dell’antica Roma. E’ una sorta di viaggio nel tempo che ci consente di introdurci nel cuore della città, attraverso, per esempio, i resti del Foro vecchio, dove si svolgevano gli affari, e il mercato coperto, donato alla cittadinanza da una ricca e potente famiglia.
Gli abitanti di questa città non erano romani, bensì nordafricani romanizzati, che conoscevano il latino, ma parlavano una propria lingua, il punico. La stessa famiglia possidente, offrì ai cittadini uno dei più splendidi teatri del mondo antico, con il mare da sfondo.
Leptis Magna è un vero e proprio gioiello, risultato di una colossale operazione, iniziata negli anni 20, da archeologi italiani.
Tra le strutture tornate alla luce c’è un enorme anfiteatro, che poteva contenere fino a sedicimila persone e dove, oltre ad affrontarsi i gladiatori, avvenivano anche le esecuzioni pubbliche.
Assieme alle abitazioni di nobili famiglie, non mancano le terme e, naturalmente, il porto, oggi quasi completamente sommerso dalla sabbia.
La fine della città coincise con quella dell’Impero romano, e gran parte è ancora sepolta dalla sabbia con chi sa quante altre sorprese da scoprire.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo