Seguici    
Accedi
 

LESSICO LATINO FONDAMENTALE: AMOR - PARTE PRIMA

Le unità dal titolo comune "Lessico latino fondamentale" propongono a studenti, docenti, o più genericamente appassionati della classicità, un ristretto numero di celebri voci latine per analizzarne l`etimologia, la storia, la semantica e l`attuale evoluzione fonetica nelle lingue neolatine
"Nulla potest mulier tantum se dicere amatam" e "Vivamus, mea Lesbia, atque amemus" sono, rispettivamente, gli incipit dei carmi LXXXVII e V di Catullo. Da queste notissime citazioni prende avvio il dibattito, condotto in studio da Michele Mirabella. Emanuela Andreoni Fontecedro, ordinario di Grammatica latina presso la III Università di Roma, fa risalire l`origine del termine "amor" alle radici etrusche "amma" e "amita". Michele Mirabella legge e traduce in italiano il testo di un graffito pompeiano sul tema d`amore. Il conduttore, dopo aver accennato all`Ars amandi di Ovidio, racconta, dello stesso autore, la favola di Piramo e Tisbe, tratta dalle Metamorfosi. Si passa poi alla distinzione tra amor sacro e amor profano, tracciata con l`ausilio di diversi interventi, tra i quali quello di Luigi Miraglia, professore di Italiano e Latino nei licei.
l filmato propone, inoltre, un accenno al valore dell`amore coniugale per gli antichi Romani e un approfondimento, sviluppato dalla professoressa Fontecedro, sulla differenza tra "uxor", "mulier" e "femina".

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo