Seguici    
Accedi
 

L`HIMALAYA. LA FORMAZIONE DELLE MONTAGNE

La catena dell’Himalaya – il cui nome, di origine sanscrita, significa “casa della neve” - si estende da est a ovest per circa 3400 chilometri, includendo quattordici cime che superano gli ottomila metri di altezza. Tra queste, spicca l’Everest che, con i suoi 8850 metri, costituisce a buon diritto il tetto del mondo.
L’audiovisivo propone una ricostruzione al computer della topografia himalayana, seguita da animazioni che illustrano il fenomeno che originò la formazione di cime così alte, ossia l’impatto, avvenuto circa quarantacinque milioni di anni fa, tra la massa continentale indiana e quella euroasiatica.
Le immagini mostrano le deformazioni subite dagli strati rocciosi in seguito alla subduzione della placca indiana sotto quella euroasiatica, la faglia che divide le due placche, e la presenza, sulla vetta dell_%_Himalaya, di rocce sedimentarie contenenti dei fossili.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo