Seguici    
Accedi
 

L`Osservatorio dei cittadini e le istituzioni insieme a Venezia per la prevenzione

 

Dal 27 al 30 novembre prossimo, a Venezia, nelle magnifiche sale di Palazzo Labbia, sede di Rai Veneto, si svolgerà la Conferenza Internazionale COWM2018 - "Osservatori dei cittadini per la gestione dei rischi naturali e delle risorse idriche" (Citizen Observatories for natural hazards and Water Managements). L’appuntamento è importante per chi ritiene fondamentale stimolare e favorire sempre di più il coinvolgimento attivo dei cittadini nella gestione dei rischi che minacciano il territorio e nella cura dell'ambiente nel quale vivono ed operano, in particolare per quanto riguarda l’utilizzo consapevole e la tutela di un bene fondamentale come quello dell’acqua.

Organizzata dall’Autorità di bacino distrettuale delle Alpi Orientali, la Conferenza vuole offrire un'opportunità di dibattito e di discussione tra gli esperti delle università e dei centri di ricerca europei, le comunità, le amministrazioni pubbliche, le aziende e le società impegnate nel settore delle risorse idriche. In particolare, ci si concentrerà sull’analisi delle strategie innovative messe in atto proprio attraverso la ‘Citizen Science’, la scienza che sviluppa la partecipazione del pubblico alla ricerca scientifica con la finalità di coinvolgere attivamente tutti i soggetti interessati.

I Citizen Observatories, gli ‘Osservatori dei cittadini’, infatti, con il loro enorme potenziale, si stanno sempre di più affermando come ‘luoghi’ virtuali e fisici dove popolazione, istituzioni ed esperti collaborano per raccogliere e condividere informazioni utili a promuovere iniziative e trovare soluzioni strategiche su problematiche di vitale importanza che comportano un alto rischio per la collettività come inquinamento, alluvioni e dissesto idrogeologico, siccità, proliferazione di alghe tossiche. In primo piano le sfide della Direttiva quadro europea sulle acque e la Direttiva sulle alluvioni.

Nei quattro giorni in cui si articola la Conferenza, saranno 80 le memorie presentate, 13 le sessioni parallele, 2 le sessioni interattive e poi eventi speciali, tavole rotonde e visite tecniche offriranno l'opportunità di sapere dalla viva voce dei protagonisti - ricercatori, accademici, responsabili politici – le soluzioni adottate all’estero, dall’ Austria alla Finlandia, dalla Francia alla Korea, da Israele alla Spagna, fino agli Stati Uniti.

Per conoscere nel dettaglio tutti gli appuntamenti in programma: https://www.cowm.eu/it/eventi-specialihttps://www.cowm.eu/it/special-event-workshop

In collaborazione con RAI Veneto con il patrocinio di Commissione europea, Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Citizen Science Association, Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, Consiglio Nazionale dei Geologi, Consiglio Nazionale degli Ingegneri, Consiglio Nazionale Biologi.
Partner scientifici: progetti europei H2020 WeObserve (https://www.weobserve.eu/), beAWARE (https://beaware-project.eu/) e EOPEN (https://eopen-project.eu/).

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo