Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Massimo Cacciari. Il male.

Massimo Cacciari, professore ordinario di Estetica all`Università di Venezia, affronta il tema del male ricollegandolo a quello della libertà.
A partire da Platone, si è pensato che Dio non potesse essere ritenuto causa del male, del nostro far male, poiché non solo è il bene ma è anche la causa di tutti i beni, quindi è innocente (theos anaitios).
Tutte le riflessioni teologiche successive si fondano sul presupposto platonico che sia la nostra libertà a darci la possibilità di fare il male.
La risposta canonica della cristianità con S. Agostino è che, se Dio non è autore del male, ne è però origine, poiché per raggiungere un bene assoluto, ci ha reso liberi, vale a dire capaci di peccare. Nello stesso modo, se l`uomo fa il bene o il male è perché Dio lo ha eletto a questo.
C`è, dunque, una forza predestinante che, secondo Lutero, segna il crollo di ogni possibile teodicea, di ogni giustificazione di Dio. Nella dottrina della predestinazione Dio, come autore dell`anima, non può più essere, quindi, ritenuto innocente.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo