Seguici    
Accedi
 

Massimo Cacciari. La musica, l`arte cristiana per eccellenza

Il filosofo Massimo Cacciari, intervistato al Festival della saggistica Passaggi di Fano, parla della musica che nel contemporaneo a partire dal romantico diventa “l’arte cristiana per eccellenza”, l’arte della civiltà romanza. A partire da quel momento i filosofi non possono più fare a meno della musica, che è la quintessenza di quell’arte intellettualizzata di cui parlava Hegel, quando dichiarava morta la rappresentazione artistica tradizionale.
La musica contemporanea non accompagna più le forme tradizionali del nostro percepire e fa loro addirittura violenza: è la rappresentazione artistica più intellettuale possibile. Quando Nietzsche attacca Wagner, gli contesta proprio di essere troppo popolare, di fare una musica rappresentativa, illustrativa, mentre la musica “non deve avere parole”, deve staccarsi da ogni psicologismo e da ogni indulgenza alle forme che ci appaiono più piacevoli.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo