Seguici    
Accedi
 

MICHELANGELO BUONARROTI: IL GIUDIZIO UNIVERSALE

Il filmato è tratto da una serie televisiva, del 1975, dedicata alle opere di Michelangelo Buonarroti (Caprese 1475 – Roma 1564), in cui illustri personaggi del mondo della cultura commentano i capolavori non da una cattedra, ma ai piedi della stessa opera d’arte.
In questa unità lo scrittore Anthony Burgess descrive il Giudizio universale di Michelangelo, mettendo in luce le differenze che intercorrono, nella tradizione iconografica, tra la cultura cattolica e quella protestante. In Inghilterra, infatti - sottolinea l`autore britannico - William Blake (Londra 1757-1827), accingendosi ad una impresa analoga, faticò a raffigurare determinati concetti, come, ad esempio, quello di “purgatorio”, propri del cattolicesimo, ma estranei al mondo protestante. L`artista italiano aveva invece sotto gli occhi innumerevoli esempi di ritratti del genere ed ebbe quindi la possibilità di ribaltare ed innovare i canoni di una tradizione pittorica consolidata.
Il capolavoro del Buonarroti viene mostrato ed analizzato prestando attenzione tanto all`inquadramento generale dell`opera, quanto agli elementi particolari dell`affresco, messi a fuoco fin nei minimi dettagli.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo