Seguici    
Accedi
 

MICHELANGELO PISTOLETTO SI RACCONTA

Esponente di massimo rilievo del movimento dell`arte povera, Michelangelo Pistoletto illustra ed esemplifica il principio alla base delle rappresentazioni speculari degli oggetti, tipiche delle sue prime opere degli anni Sessanta. Protagonista è la relazione tra lo spettatore, il suo riflesso e la figura dipinta. Pistoletto tende a trasformare continuamente tale relazione, fino a raggiungere uno scambio dei ruoli e a far sì che l’oggetto rappresentato diventi riflesso dello spettatore e dell’artista stesso, come in un autoritratto.
Al centro del lavoro e dell’estetica di Pistoletto c’è anche l’analisi del rapporto tra gli stilemi classici dell’arte, la bellezza eterna, e l’oggetto di uso comune che si trasforma in continuazione e quindi è relativo. Questo rapporto è simboleggiato dalla scultura Venere degli stracci , icona al tempo stesso del nitore classico e del degrado.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo