Seguici    
Accedi
 

Michele Cortelazzo. La riforma del Titolo V della Costituzione

Michele Cortelazzo, intervistato in occasione delle Giornate della lingua italiana (Olimpiadi di Italiano), che si sono svolte a Firenze dal 26 al 28 marzo 2018, parla della riforma del Titolo V del 2001, che ha avuto l’effetto più evidente di aumentare il numero dei casi di conflitto tra Stato e Regioni.

 

 

Michele Cortelazzo (Padova 1952). Professore ordinario di Linguistica italiana (Settore Scientifico-Disciplinare L-FIL-LET/12) nel Dipartimento di Studi linguistici e letterari e Direttore della Scuola Galileiana di Studi Superiori dell'Università di Padova. Docente nella Facoltà di Lettere dell'Università di Fiume (Sveučilište u Rijeci, Filozofski Fakultet). Accademico corrispondente dell'Accademia della Crusca e Presidente dell'Associazione per la storia della lingua italiana (ASLI).
Pubblicazioni: Lingue speciali. La dimensione verticale (Padova, Unipress, 1990), Italiano d'oggi (Padova, Esedra, 2000), I sentieri della lingua. Saggi sugli usi dell'italiano tra passato e presente (a cura di C. Di Benedetto, S. Ondelli, A. Pezzin, S. Tonellotto, V. Ujcich, M. Viale, Padova, Esedra, 2012). Il nucleo fondamentale delle sue ricerche riguarda l′italiano contemporaneo e le lingue speciali (linguaggio medico, linguaggio scientifico, linguaggio giuridico) e la semplificazione del linguaggio amministrativo, politico e istituzionale. In questo campo ha pubblicato nel 2016 il volume Il linguaggio della politica, nella collana L'Italiano. Conoscere e usare una lingua formidabile edita dal Gruppo Editoriale L'Espresso e dalla Accademia della Crusca e ha scritto il capitolo Il linguaggio dei presidenti nel volume Presidenti della Repubblica. Il Capo dello Stato e il Quirinale nella storia della democrazia italiana, a cura di Sabino Cassese, Giuseppe Galasso, Alberto Melloni (Bologna, Il Mulino, 2018).

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo