Seguici    
Accedi
 

Nicolae Tertulian: Martin Heidegger e il nazismo. Aforismi

Nel filmato, tratto dall’Enciclopedia multimediale delle scienze filosofiche, Nicolae Tertulian, directeur d`études all`École Pratique des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi, in un’intervista del 1988, approfondisce l’impegno filosofico e politico di Martin Heidegger (Messkirch - Baden, 1889 – 1976) in favore del nazionalsocialismo, motivando la sconfitta della Francia nel 1940 con l’incapacità di reggere il dominio universale della tecnica, incarnato dall`esercito tedesco.

Heidegger, conosciuto come critico della tecnica, prende spunto dai saggi di Jünger (Heidelberg, 1895 – Wilflingen, 1998) Il lavoratore e La mobilitazione totale, che sostengono il tramonto delle vecchie forme di vita liberali e democratiche e segnano l’instaurazione di un nuovo regno e tipo umano. Questo modello di uomo è rappresentato dal lavoratore o dal soldato, completamente integrati negli apparati della tecnica moderna.

Per Heidegger, il trionfo della tecnica conteneva un elemento positivo, in quanto significava il crepuscolo della civiltà fondata sui diritti dell’individuo e sull’ideale democratico. Già nel suo Essere e tempo, Heidegger, denunciava il “sì” impersonale, espressione della dittatura dell’opinione pubblica, regno dell’inautenticità, cui opponeva l’esistenza autentica delle sue categorie, una delle quali era quella della “decisione risoluta”.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo