Seguici    
Accedi
 

Nuccio Ordine: la convivenza nel "continente" umano

 

Il filosofo Nuccio Ordine, intervistato al Festival Materadio, la festa di Radio3 del 2016 “Utopie e Distopie", parla del tema della convivenza, partendo da una citazione del poeta inglese XVII secolo John Donne che diceva che gli uomini ma sono collegati tra di loro, come a formare un continente. Pertanto se un uomo muore la sua morte riguarda tutti gli altri uomini, è come se sparisse una parte dell’unico continente che è l’umanità. Da questa bellissima riflessione di Donne Hemingway prenderà spunto per il titolo del famoso romanzo “Per chi suona la campana”.
Queste parole suonano straordinarie in un’epoca, come quella contemporanea, dominata dall’utilitarismo e dall’egoismo, in cui lasciamo morire nell’indifferenza un numero sempre crescente di persone che attraversano il Mediterraneo, scappando dalla guerra e dalla fame. La convivenza allora, secondo Nuccio Ordine, significa capire che la vita ha una senso solo se la viviamo in funzione degli altri.

 

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo