Seguici    
Accedi
 

PITTURA: COME SI REALIZZA UN DIPINTO

In questa unità audiovisiva, il pittore Bruno Caruso (Palermo, 1927) ci mostra le complesse fasi necessarie alla realizzazione di un dipinto ad olio. Ci parla delle sue scelte stilistiche e ci svela la sua tecnica. La scelta della tela, dei componenti della vernice e dei pennelli. Ma anche il disegno preparatorio, il tratto, le sfumature, i piani del colore, gli effetti prospettici e infine le velature, tipiche del suo metodo.
Disegnatore impeccabile, straordinario incisore, pittore colto e di gran gusto, dai toni di rara intensità espressiva, Caruso ha sempre avuto una forte attrazione per il giornalismo e l’editoria, illustrando una quantità incredibile di libri, riviste e quotidiani (appassionata la sua collaborazione a L’Ora fin dagli anni Sessanta). Amante della sua terra e viaggiatore instancabile, con le lacerazioni e le solarità di Palermo nel cuore, ha conosciuto, fra i tanti, Thomas Mann e Picasso, Max Ernst e Magritte, Camus e Chagall, Stravinskij e Sartre, Malcom X e il Generale Giap, Tennessee Williams e Ben Shahn, Quasimodo e Vittorini, orchestrando nel tempo questo patrimonio d’esperienze nella sua sensibilità d’acuto indagatore e di fantasioso interprete del reale.
Caruso ha creato dipinti ispirati al testamento di Ho Chi Minh, all’occupazione delle terre in Sicilia, alla terrificante realtà dei manicomi, agli orrori del nazismo, alle atrocità della mafia e alle sue collusioni politiche negli anni Sessanta, ma ha illustrato anche le opere di Machiavelli e Manzoni, Mallarmè e Ungaretti, Verga e Ibn Giubair, per dar vita, poi, a degli straordinari bestiari, all’interno dell’orto botanico di Palermo, e alle sue Fanciulle di pesco.
Si è dedicato inoltre ai suoi autori più amati: Antonello da Messina, Baudelaire, Pirandello, Tomasi di Lampedusa, Brancati e Sciascia.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo