Seguici    
Accedi
 

RUDOLF ERICH RASPE: IL BARONE DI MUNCHAUSEN. UN LIBRO IN TRE MINUTI

Il filmato, tratto da una serie dedicata alla narrativa internazionale per ragazzi, realizzata con la tecnica del cartone animato, riassume il celebre libro di Rudolf Erich Raspe, studioso di filologia e scienze naturali vissuto in Germania nella seconda metà del Settecento.
Basandosi sui racconti di un personaggio realmente esistito - si chiamava Karl Friederick Hieronymus barone di Münchhausen ed era un ufficiale di cavalleria tedesco - e accogliendo suggestioni dal Gulliver di Jonathan Swift, ma anche da tutta la letteratura comica, ironica e fantastica che va dal Gargantua di Rabelais al Candide di Voltaire, Raspe dà vita e voce a un personaggio che, bugiardo dichiarato, in un salotto di nobili dame, racconta le sue avventure del tutto incredibili.
Sono storie dove il fantastico si mescola con l’esagerato, il meraviglioso con il comico, storie sempre affascinanti e divertenti, in un gioco di invenzione che pare inesauribile.
Il teatro delle iperboliche avventure del barone è una campagna militare in Russia, contro i Turchi. Tra tutte, celeberrima fino a essere proverbiale, la sua prodezza in una palude, dove Münchhausen era caduto assieme al suo cavallo, e dalla quale era stato capace di venire fuori asciutto, tirandosi su per il codino. Ma è solo uno dei tanti episodi che fioccano sulle dame che ascoltano il barone: durante una nevicata, il barone aveva legato il suo cavallo a un sostegno, che era in effetti la guglia di un campanile, e l’indomani, scioltasi la neve, il cavallo si era ritrovato sulla cima. In un’altra circostanza Münchhausen se ne era andato a spasso su palle di cannone per perlustrare una fortezza nemica in quella che è di fatto una tra le prime, se non la prima, ricognizione aerea della storia bellica occidentale. E ancora, Münchhausen racconta di essere arrivato per ben due volte sulla luna. E di essere giunto in Oriente dove, vincendo una scommessa, era riuscito a portar via al sultano tutto il tesoro.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo