Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Storia del denaro

Dal baratto alla moneta elettronica, l’unità didattica ripercorre le tappe fondamentali della storia del denaro attraverso gli interventi che animano il dibattito, moderato in studio da Luciano Onder. Prima della nascita della moneta, lo scambio di beni e servizi avveniva facendo ricorso al baratto: i beni venivano scambiati esclusivamente per il loro valore d’uso. Il baratto richiedeva però la doppia coincidenza dei bisogni, non permetteva il risparmio e implicava una problematica valutazione del rapporto di valore tra generi differenti. Poteva quindi funzionare solo nell’ambito di economie estremamente primitive. Di qui la necessità di un equivalente simbolico, di un mezzo accettato in pagamento da tutti gli operatori economici, che non si deteriorasse col tempo e che fosse facilmente divisibile. Già a partire dal terzo millennio avanti cristo venivano usati, in Asia Minore e in Europa, i metalli a peso negli scambi. I metalli preziosi vennero poi trasformati in monete d’oro, d’argento o di altri metalli preziosi. La moneta, che serviva anche come mezzo di propaganda, veniva inizialmente usata solo per gli scambi di un certo livello e non escludeva quindi la permanenza di forme di baratto. Ma come si arriva alla moneta di carta? Alla fine di un lento processo avvenuto tra il Seicento e l’Ottocento. Verso la fine dell’Ottocento quasi tutte le economie occidentali adottano il Gold Standard: l’oro si trasforma in riserva e viene detenuto nelle banche centrali. Si afferma la regola secondo cui le autorità monetarie possono emettere moneta fino ad un valore massimo pari ad alcune volte il valore dell_%_oro detenuto. Dopo la crisi del 1929 e il fallimento di metà del sistema bancario statunitense, il governo U.S.A. impone il divieto di conversione (ripreso in quasi tutto il mondo nel giro di pochi anni), ossia il divieto di richiedere alla banca l_%_equivalente in oro del proprio deposito. Nel 1944, gli accordi di Bretton Woods stabiliscono che solo il dollaro può essere convertito in oro, e tutte le altre monete in dollari. Vengono costituiti il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale. Il sistema di Bretton Woods salta nel 1971, quando Richard Nixon comunica al mondo l_%_abrogazione unilaterale degli accordi relativi alla conversione in oro. L’ultima frontiera del processo di smaterializzazione del denaro è la “moneta elelettronica”, che rende le transazioni più sicure in quanto realizzate in modalità off-line. Al dibattito in studio, moderato da Luciano Onder, partecipano: Carlo Maria Travaglino (Docente di Storia economica all’Università di Roma Tre), Silvana Balbi De Caro (Ministero Beni e Attività culturali), Leandro Conti (Docente di Storia economica all’Università di Siena), Marco Marini (Docente di Economia politica e monetaria all’Università di Urbino). L’unità didattica è tratta da una puntata di Explora – La TV delle Scienze, una produzione Rai Educational realizzata nell_%_ambito della convenzione stipulata negli anni 2003-2006 tra il Ministero dell_%_Istruzione, dell_%_Università e della Ricerca e la Rai Radiotelevisione italiana.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo