Seguici    
Accedi
 

Torna il Roma Festival Barocco, XI edizione.

 

Il 18 novembre, nella Basilica di Sant'Apollinare, a pochi passi da piazza Navona, simbolo del più bel Barocco romano, si apre il Roma Festival Barocco. Con un regalo: un Vespro solenne del seicento a 8 voci e strumenti, mai eseguito prima d’ora in tempi moderni (Ingresso libero fino ad esaurimento posti). Suona l'Ensemble Festina Lente.

Il maestro Michele Gasbarro, direttore artistico della manifestazione, per questa XI edizione, propone un ricco calendario di eventi con molte prime esecuzioni affidate a musicisti di fama internazionale e conferenze musicologiche,  in programma fino al 21 dicembre. Dagli oratori e dai palazzi nobiliari del centro storico della Capitale poi, quest’anno la musica arriverà a Nord fino a Milano e giù al Meridione fino a Napoli.

Molte le performance di rilievo: il controtenore Raffaele Pè con l’ensamble la Lira di Orfeo, proporranno al pubblico I Sacri Concerti di Alessandro Scarlatti, il 21 dicembre nella chiesa romana di San Luigi dei Francesi. Prestigiosa la presenza del maestro olandese Ton Koopmann che suonerà per la prima volta a Roma su un organo originale del seicento perfettamente conservato nel suo originario splendore fonico (il 13 dicembre nella Chiesa di San Giovanni dei Fiorentini).

Il 24 novembre, al Conservatorio di Santa Cecilia, l’esecuzione di due Intermezzi napoletani (Leonardo Vinci: Erighetta e Don Chilone; Domenico Sarro: Eurilla e Betramme), anch’essi inediti per le orecchie contemporanee, affidata all’Orchestra Barocca dei Conservatori Italiani, diretta da Antonio Florio, profondo conoscitore della musica colta napoletana del XVII e XVIII secolo.

Infine, come consuetudine, a completare la ricca proposta musicale di un festival unico nel suo genere, i progetti dedicati a Giovanni Pierluigi da Palestrina (Messa Laudate Dominum a 8 voci), le Sonate inedite del violinista romano Carlo Mannelli e le Cantate di area romana e napoletana.

La realizzazione della prima edizione del Festival del Clavicembalo, che si svolgerà in contemporanea in alcune residenze nobiliari dei Castelli Romani, arricchisce ulteriormente questo viaggio nelle antiche sonorità sacre che è anche un percorso visivo straordinario in alcuni tra i luoghi più suggestivi dell’architettura barocca del nostro Paese.

Per il dettaglio del programma consulta il sito: http://www.romafestivalbarocco.it/

Il Roma Festival Barocco è supportato da: Direzione Generale dello Spettacolo dal Vivo del Mibact, Regione Lazio, Comune di Roma, Ambasciata di Francia presso la S. Sede e il Centre Culturel “Saint Louis de France”, Università di Roma “Tor Vergata”Centro Studi sulla Cantata Italiana, Istituto per la Storia della Musica e il DHI Istituto Storico Germanico di Roma. In collaborazione con il MIUR, che supporta la presenza dell’Orchestra Barocca Italiana.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo