Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

TRIESTE: PERCORSO STORICO, ECONOMICO E ARTISTICO

L`unità propone all`inizio un`introduzione storica sulle vicende pubbliche e politiche di Trieste. A seguire alcune riflessioni sulla storia recente e le immagini dell`urbanistica e dell`architettura impiantata nel neoclassico. Nel II secolo a.C. Trieste diventò colonia romana con il nome di Tergeste, testimonianza di quel periodo è il Teatro Romano, che oggi si trova incastonato tra gli edifici della città. Dopo la caduta dell’Impero Romano d’Occidente fino al 788, la città fu sotto il controllo di Bisanzio.
La cattedrale di San Giusto, sorta sui resti di un edificio pagano, conserva diversi elementi del periodo romano: il basamento e il portico colonnato. Dell’originaria basilica paleocristiana a tre navate, sono rimasti il presbiterio absidato e il pavimento a mosaico, incorporati nell’attuale costruzione. La navata centrale della cattedrale risale invece al Trecento.
L’edificio si presenta impreziosito da uno splendido rosone gotico, inserito nella pietra arenaria di cui sono fatti la facciata ed il campanile. Al periodo barocco risale invece la chiesa di S. Maria Maggiore, la cui facciata è stata attribuita al gesuita Andrea Pozzo, architetto, decoratore e pittore barocco noto in particolare per gli affreschi della chiesa di San Ignazio a Roma. Accanto alla chiesa di Santa Maria Maggiore, sorge la basilica di San Silvestro, una piccola costruzione di epoca romanica, che negli ultimi anni è stata dichiarata monumento nazionale. Il castello di S. Giusto sorge sulla sommità dell`omonimo colle, a lato dei resti romani del Foro e della Basilica. La costruzione venne ideata durante la dominazione di Venezia e fortificata con il bastione rotondo nel 1630. Oggi è sede di esibizioni permanenti e temporanee.
Trieste risulta essere così una città ricca di luoghi da visitare: il Teatro all`aperto della casa d`Asburgo, il tempio cattolico di S. Antonio Taumaturgo (1840) e la piazza della Borsa di Molari da Macerata. Tra i luoghi dove passeggiare si ricordano corso Italia, piazza Goldoni e piazza Unità d`Italia, ricca di caffè storici. Va ricordato infine il Castello di Miramare, situato lungo la costa. Il castello bianco, circondato da un bellissimo parco e da un classico giardino all`italiana, venne fatto costruire tra il 1856 ed il 1860 dall`arciduca Massimiliano d`Asburgo per la sua amata giovane sposa.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo