Seguici    
Accedi
 

VITA: LE PRIME FORME. RICERCHE E IPOTESI

Gli scienziati che si pongono la domanda sull_%_origine della vita seguono l_%_ipotesi che essa si sia sviluppata a partire da organismi microscopici molto semplici. Le ricerche sull_%_antenato comune di tutti gli esseri viventi si concentrano infatti sullo studio di fossili batterici e batteri.
Il filmato propone un_%_intervista al paleontologo americano Andrew Knoll e al biologo italiano Piero Cammarano, direttore di un laboratorio romano che ha contribuito fortemente al progetto di ricostruzione di un albero genealogico universale.
Una delle ipotesi scientifiche più accreditate, supportate dai risultati delle ricerche, è che le prime forme di vita siano vissute a temperature molto elevate, comprese tra gli 85 e i 110 C°: il cosiddetto "brodo primordiale".
Per "brodo primordiale" gli scienziati intendono un composto di molecole semplici (come metano, ammoniaca, acqua, sale) dove, ad alte temperature, si sarebbero potute svuiluppare reazioni chimiche in grado di generare molecole complesse, ad esempio alcuni amminoacidi semplici.
Dai primi "coacervati molecolari" potrebbero poi essersi sviluppate alcune proteine, la cui combinazione avrebbe in seguito attivato sistemi di molecole capaci di riprodursi, i primi microrganismi viventi.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo