Seguici    
Accedi
 

Giosué Carducci

Giosué Carducci

Giosuè Carducci nasce a Valdicastello, nei pressi di Lucca nel 1835 (morirà a Bologna nel 1907). Sommo poeta, autore di opere quali Odi barbare e le Rime nuove, si dedica dapprima all’insegnamento, per seguire, più tardi, il forte il richiamo per la politica, che va di pari passo con la sua ricerca poetica. Mazziniano da un lato e classicista dall’altro, si oppone al tardo romanticismo della sua epoca. Ma la fede repubblicana va via via affievolendosi, fino a diventare, nel 1878, con l’Ode alla regina d’Italia, poeta ufficiale di Casa Savoia. Nel 1906, un anno prima della sua morte, gli viene assegnato il Premio Nobel, fu il primo scrittore italiano della storia al quale è stata conferita questa prestigiosa onoreficenza.

 

Carducci, primo scrittore Nobel italiano

Carducci, primo scrittore Nobel italiano

Giosuè Carducci, titolare della cattedra di Letteratura Italiana all’Università di Bologna dal 1860 al 1904, tra il 1850 e il 1860 pubblica la sua prima raccolta di poesie, “Juvenilia“, cui seguiranno “Levia Gravia”, “Inno a Satana”, “Giambi ed Epòdi”, “Odi barbare”. Nel 1906, pochi mesi prima della ...

Leggi tutto

Il sanguigno Carducci raccontato da Gassman

Il sanguigno Carducci raccontato da Gassman

Vittorio Gassman ci accompagna in alcuni luoghi del paesaggio romagnolo legati alla vita e alla personalità del poeta Giosué Carducci. Emergono aspetti contrastanti del carattere del poeta. Sanguigno e passionale nella vita sentimentale, fu al tempo stesso, nella quotidianità, saggio amministratore, ...

Leggi tutto

Giosuè Carducci e la malinconia

Giosuè Carducci e la malinconia

Guido Davico Bonino parla di Giosuè Carducci (Valdicastello, Lucca 1835 - Bologna 1907) e sottolinea come abbia pesato lo stereotipo, da lui stesso creato, di “poeta vate” che s`incarna nella figura del laico repubblicano che tuona contro i potenti e parla di rivoluzioni impossibili. In questa unità ...

Leggi tutto