Seguici    
Accedi
 

Digital World

Baricco e Il giovane Holden

Il 16 luglio 1951 viene pubblicato Il giovane Holden di Jerome David Salinger, ma il libro arriva in Italia dieci anni dopo. Sergio Castellitto legge l'incipit del libro. Baricco ne rileva una caratteristica particolare: il modo di guardare il mondo del ragazzo. A titolo di esempio vengono citati l'associazione tra regali e tristezza, la riflessione sul corpo dopo il suicidio, le domande su dove vanno a finire le anatre di New York, la consolazione rappresentata dall'immobilismo del museo di storia naturale. La scena più seria del romanzo è l'incontro tra Holden e la sua sorellina. Si vedono di notte in casa dei genitori. Lei lo ascolta lamentarsi di tutto e di tutti, poi gli chiede, dimmi una cosa che nella vita ti piace, una cosa che tu vorresti fare da grande. Inchioda così alle sue responsabilità non solo Holden ma tutta la generazione ribelle che in lui si è riconosciuta.

Puntate integrali