Seguici    
Accedi
 

Digital World

Da una ricerca italiana cellule killer contro il cancro

Lo studio del San Raffaele di Milano, presentato a Washington da tre ricercatori nel corso dell'incontro annuale dell'American Association for the Advancement of Science, si basa sulla produzione artificiale di linfociti geneticamente modificati e trasformati cellule killer del cancro.

Una sorta di arma prodotta dal sistema immunitario, in grado di riconoscere e distruggere le cellule tumorali, che potrebbe funzionare anche come vaccino per ridurre le probabilità di recidiva
Una svolta che i media britannici hanno definito rivoluzionaria.

La ricerca riguarda le leucemie, ma si ipotizza una sua applicazione anche ad altre forme di cancro. Chiara Bonini, vicedirettore della Divisione di immunologia, trapianti e malattie infettive del San Raffaele, definisce queste cellule killer “una specie di 'farmaco vivente' capace di combattere la malattia ed evitarne la ricomparsa”.
 

Puntate integrali