Seguici    
Accedi
 

Digital World

Digital World - Tra futuro e futuribile P.4 - 04/11/2017

Digital World, il programma di Matteo Bordone per capire meglio le nuove tecnologie e il modo in cui ci hanno resi delle creature fatte anche di bit: opinioni, interviste, novità, sfiziosità, cose ormai passate e cose futuribili, cose da imparare e cose da creare. Tutto in piccoli post di sopravvivenza digitale,.

Nella puntata di sabato 4 novembre (Rai Scuola, 146 dtt, ore 21:30 – replica su RaiDue all’una di martedì 7 novembre):

 

- “Il fact checking è una fake news”. Ad affermarlo è Walter Quattrociocchi, ricercatore nel gruppo del Laboratory of Data Science and Complexity alla Ca' Foscari di Venezia. “Le fake news ci sono da sempre” aggiunge Francesco Costa, vicedirettore del Post;

- tutti i segreti del videomapping con l'esperienza dello studio “Apparati effimeri”;
- cosa si nasconde dietro il mondo il mondo degli “hater”? Ce lo rivela il documentarista norvegese Kyrre Lien, che li ha conosciuti e intervistati. E ci svela la banalità de male: "Quando ho incontrato queste persone e ho chiesto loro perché avessero scritto quei commenti pieni d'odio, mi hanno risposto che non era loro intenzione farlo, che l'avevano scritto dopo aver bevuto una birra…";
- infine il sociologo bielorusso Evgenij Morozov ragiona sulla cosiddetta “asimmetria epistemica”, tra cittadini e istituzioni: "Uno dei fenomeni più sottovalutati degli ultimi decenni è la cosiddetta 'asimmetria epistemica' tra cittadini e istituzioni, per cui gli individui sono sempre più visibili e più controllabili, mentre le istituzioni intorno a noi diventano sempre meno visibili meno responsabili e meno affidabili".

Puntate integrali

News

Creatività

Opinioni

Futuro

Learning

Vintage

Tags

anteprima|digital world|matteo bordone|sommarioanteprima digital world matteo bordone sommario

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo