Seguici    
Accedi
 

Digital World

Galielo Galilei: dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo. La natura del moto

Nel 1632 Galileo Galilei pubblica "Il dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo", opera per cui è convocato dinanzi al Sant'Uffizio, che lo accusa di divulgare una teoria errata, che pone il sole e non la terra, come dice la Bibbia, al centro dell'universo. Tre attori danno voce ai personaggi del "Dialogo": Simplicio, il cieco seguace delle idee di Aristotele e sostenitore del sistema tolemaico, Salviati, gentiluomo toscano, discepolo di Galileo e sostenitore del sistema copernicano, Sagredo, nobile veneziano di chiare simpatie galileiane.

L'astrofisico Franco Pacini commenta i passi salienti del "Dialogo". Il tema di questa unità audiovisiva (la seconda di una serie di otto dedicate al "Dialogo") è il moto dei corpi e in particolare il principio di inerzia. Secondo questo principio, non è necessario supporre la presenza di "un eterno motore" come causa del movimento dei corpi celesti. Esso viene dunque utilizzato per confutare le obiezioni mosse alle idee di Galileo dai sostenitori del sistema tolemaico.

Puntate integrali