Seguici    
Accedi
 

Digital World

Guglielmo Marconi: un telegrafo per la storia

L’audiovisivo, avvalendosi di materiale di repertorio, ripercorre la storia delle radiocomunicazioni muovendo dal primo esperimento, posto in atto nel 1895 da Gugliemo Marconi (Bologna 1874 – Roma 1937), di trasmissione di un messaggio elettromagnetico senza fili. La possibilità di coprire distanze lunghissime, superando la curvatura terrestre, fu verificata nel 1901 quando vennero trasmessi i primi segnali telegrafici tra Poldhu, in Cornovaglia, e l’isola di Terranova, in America settentrionale. Il successo di questo esperimento ebbe un’eco enorme, che trascinò il giovane scienziato in un’escalation di riconoscimenti, culminanti nel 1909 con l’assegnazione del premio Nobel.
La ricostruzione biografica è coadiuvata da un’intervista alla figlia Degna e al contrammiraglio Gino Montefinale. Essa procede in parallelo alla storia dell’invenzione di Marconi, delle sue straordinarie potenzialità tecnologiche e del suo principale percorso evolutivo, che, attraverso l’introduzione del “triodo” di Lee De Forest, consentì di passare dalla trasmissione di un segnale a quella della voce umana, trasformando il primitivo sistema di ricetrasmittenti nella radio vera e propria, così come la conosciamo noi oggi.

Puntate integrali