Seguici    
Accedi
 

Digital World

I CANTI DEL LAVORO: LA CONTESTAZIONE DEI CONTADINI

Nel clima infuocato degli anni Settanta vengono analizzate due canzoni di protesta: un canto di contadini pugliesi, solo apparentemente di sottomissione, e una canzone delle mondine, in cui la contestazione è più esplicita. La discussione in studio si alterna all`ascolto dei brani musicali, montati su immagini di repertorio.
L’etnologo Luigi Lombardi Satriani, nell’intervista proposta nel servizio, parla di “una rabbia meridionale” nata proprio dallo sfruttamento da parte dei padroni delle terre dei loro braccianti. Egli ricorda che fu proprio grazie alla condizione disperata dei braccianti meridionali che il fascismo ebbe in queste zone una forte presa.
Il video si chiude con un canto popolare delle terre padane.

Puntate integrali