Seguici    
Accedi
 

Digital World

I dialetti italiani

Le differenze dialettali tra le regioni d’Italia offrono lo spunto per un approfondimento in questo filmato dell’analisi storico-linguistica della nostra penisola e una comparazione con la storia della lingua di altri paesi europei, realizzata con l’apporto di testi di Umberto Eco, Tullio De Mauro, Enzo Siciliano.
La formazione della lingua italiana prende il via con l’espansione di Roma che, però, non impose mai l’uso della lingua latina, il cui apprendimento si diversificò tra i vari popoli per epoca e modalità. Singolare e dalle importanti conseguenze fu il caso degli etruschi la cui lingua era così diversa dal latino, che quest’ultimo fu appreso nella forma più perfetta (mentre dall’incontro con lingue più simili nascevano degli ibridi che diedero origine ai vari dialetti) e conservato più puro nella forma parlata (dialetto fiorentino) fino all’età d’oro di Firenze, intorno al Duecento, quando si diffuse in tutta Italia per motivi commerciali, per poi divenire successivamente, con Dante, Petrarca e Boccaccio, modello linguistico per eccellenza.

Puntate integrali