Seguici    
Accedi
 

Digital World

Il Network Computer

L’unità audiovisiva ripercorre le tappe principali della storia dell’informatica, dalla svolta epocale realizzata con l’introduzione del personal computer - che, facendo uscire i computer dai centri di calcolo per popolare case e uffici, sancisce l’inizio dell’era digitale - a quella che, attorno alla metà degli anni Novanta, si annunciava come un’ennesima rivoluzione: il network computing.
Il network computer, di cui i primi prototipi vennero presentati nel 1996, consente di fare a meno di sistemi operativi pesanti e programmi complessi sul proprio disco rigido, permettendo all’utente di ricevere il proprio software applicativo attraverso la rete. In questo modo, l’elaboratore informatico funge da terminale intelligente, dotato di interfaccia per la connessione in rete ma privo di sistema operativo, o meglio con un sistema operativo capace di eseguire programmi Java in modo nativo, affiancato da un potente browser. Il computer risulta notevolmente alleggerito e i costi sensibilmente ridotti.
Tuttavia, come in ogni rivoluzione, non mancano le obiezioni di chi rileva, tra i diversi limiti del network computing, il rischio di una consistente riduzione della libertà e della creatività applicativa dell’utente.
L_%_unità è tratta dalla trasmissione di Rai Educational Mediamente (ed. 1997).

Puntate integrali