Seguici    
Accedi
 

Digital World

SPECIALE DANTE: PARLANO FRANCO CARDINI, MONI OVADIA E DAVIDE RONDONI

Leggere Dante, avendo le orecchie e l’anima aperta, è un esercizio di immensa importanza: parliamo di uno dei tre più grandi esponenti della cultura occidentale, insieme a Shakespeare e Cervantes



SPECIALE DANTE: PARLANO MONI OVADIA, DAVIDE RONDONI E FRANCO CARDINI



La puntata dello “Speciale Dante” affronta uno dei temi nodali dell’universo dantesco: il viaggio. Come commenta Rondoni: “Tutte le grandi culture hanno nella propria radice il racconto di un grande viaggio: l`Esodo per il popolo ebraico, noi sicuramente la Commedia, o l`Eneide, o l`Iliade e l`Odissea prima”. Attraverso gli interventi degli intervistati il video fornisce un quadro dei significati simbolici e letterari del viaggio dantesco: il bagaglio immaginativo apportato alla cultura occidentale, il suo legame indissolubile con la ricerca della conoscenza, le referenzialità sparse nella Commedia afferenti al viaggio reale, da esule, del Dante autore.



Il viaggio, inquadrato da una prospettiva archetipica, è notoriamente legato ad un percorso che porta alla purificazione, quasi alla perfezione, come commenta Cardini: “Quindi da un lato il sogno come progetto profondo dell`essere umano, dall`altra il viaggio come metafora della vita, e infine appunto la meta, come perfezione alla quale si vuole giungere e non è detto che poi tutti ci si arrivi



Il Dante personaggio è cosciente del suo viaggio, cosciente fin dal primo verso potremmo dire, cosciente del significato spirituale che questo viaggio assume: “Anche Dante si affianca ai grandi viaggiatori – lui sa benissimo che lo sta facendo e lo dice esplicitamente quando dice “Io non sono Enea, non sono San paolo – che è un altro grande viaggiatore lui sta dicendo “Io sono come questi, mi affianco allo stesso tipo di viaggio. È un viaggio appunto – pensiamo ad Enea, pensiamo a San Paolo - che ha due grandi caratteristiche: di essere un viaggio geografico – nella geografia della storia, del visibile – ma è anche un grande viaggio nella geografia dell’invisibile, nella geografia interiore di un uomo



Il celebre canto di Ulisse e il personaggio Omerico mettono in luce uno dei significati più profondi del viaggio dantesco: la ricerca della conoscenza, come commenta Ovadia: “A chi si domandasse perché leggere oggi Dante, basterebbe un solo verso per rispondere…. E ha la capacità di spiegare la vita ….più di molte chiacchiere vane. Questo è il verso che Dante mette in bocca ad Ulisse: ‘Fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza’. In questo verso Dante sintetizza, con una pregnanza che non ha precendenti, quello che dovrebbe essere il senso della vita: un viaggio conoscitivo".

 

Puntate integrali