Seguici    
Accedi
 

Autismi. Benessere e sostenibilità, 4 e 5 maggio - Rimini

Sfatare vecchie e nuove “false notizie” sullo spettro autistico, come quella di vedere una correlazione tra autismo e vaccini, questo è lo scopo principale del Centro Studi Erickson che ha organizzato, anche quest’anno, il Convegno internazionale “Autismi. Benessere e sostenibilità”, che si è svolto il 4 e il 5 maggio scorsi al Palacongressi di Rimini.

Sono tre i macro ambiti sui quali si è concentrato il focus nel programma di questa sesta edizione: clinico, didattico-educativo e socio-culturale.

Insegnati, educatori, operatori sociosanitari e genitori hanno avuto l’occasione di approfondire la conoscenza dei diversi modelli di provata efficacia e dei principi documentati nelle linee guida nazionali e internazionali, per affrontare la complessità dei disturbi dell’autismo e poter sviluppare interventi di qualità. Ampio spazio è stato dedicato al tema dell’inclusione scolastica e della diffusione di falsi miti e fake news, della selettività alimentare, del problema dell’autolesionismo e dell’aggressività.

Inoltre, i vari relatori hanno parlato degli strumenti utili per affrontare i comportamenti di iperattività, ritualità, esplosività, tratti tipici dello spettro autistico. Le persone con autismo, infatti, presentano caratteristiche peculiari: alcune (come memoria, competenze visuo-spaziali, precisione) possono facilitare l’apprendimento, mentre altre (come iperattività, variabilità dell’umore, scarsa empatia) rappresentano un ostacolo.

Molti anche gli interventi sull’importanza di garantire a chi è affetto da questa sindrome, una reale inclusione nel mondo della scuola e del lavoro.

Centrale l’argomento bullismo, fenomeno sociale che colpisce spesso i ragazzi e le ragazze con la sindrome di Asperger. Pertanto, l’educazione al rispetto dell’altro e programmi che coinvolgano l’intera scuola, sono stati riconosciuti indispensabili strumenti di prevenzione.

Il Convegno si è concluso con il workshop: "Il gioco tra divertimento e terapia", perché il gioco permette di avvicinarsi al mondo del bambino e capire il modo in cui lo percepisce.

Tra i relatori: Hilde De Clercq, linguista, autrice di libri sull’autismo e madre di una persona con l’autismo; Erica Salomone, ricercatrice del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Torino; Serafino Corti, direttore del Dipartimento delle disabilità della Fondazione Istituto Ospedaliero di Sospiro ONLUS; Antonio Narzisi, psicologo e psicoterapeuta; Gunilla Gerland, scrittrice, formatrice e self-advocate; Maddalena Fabbri Destro, Ricercatrice presso l’Istituto di Neuroscienze del CNR di Parma; Valentina Postorino, Psicologa clinica e dell'età evolutiva; Paolo Cornaglia Ferraris, medico e componente dell’Associazione culturale “Camici e Pigiami”; Stefano Vicari, Primario di neuropsichiatria infantile all’Ospedale Bambin Gesù di Roma; Giuseppe Maurizio Arduino, Responsabile Centro Autismo e Sindrome di Asperger Ospedale di Mondovì; Michele Zappella, neuropsichiatria infantile di Siena; Maria Luisa Scattoni, ricercatrice Istituto Superiore di Sanità; Flavia Caretto, Presidente Culturautismo Onlus di Roma; Roberto Keller, responsabile centro pilota regione Piemonte disturbi spettro autistico in età adulta; Franco Nardocci, neuropsichiatria infantile; Carlo Ricci, socio fondatore dell’Istituto Walden di Roma e Bari; Paola Venuti, docente di psicopatologia clinica presso il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive dell’Università di Trento.

Per approfondire il tema dell'inclusione scolastica: Speciale Rai Scuola del 2017