Seguici    
Accedi
 

Cartesio

 

René Descartes, noto come Cartesio, è nato a La Haye (in Turenna) nel 1596, ed è considerato uno dei fondatori del pensiero filosofico moderno. Da ragazzo studia presso i gesuiti e nel 1616 si laurea in diritto. Dopo una parentesi militare, che lo vede attivo anche nella guerra dei Trent'anni, tra il 1620 e il 1625 compie numerosi viaggi soprattutto in Italia e in Francia, dove si stabilisce a Parigi, frequentando gli ambienti letterari e mondani e i circoli scientifici. Nel 1628 si ritira nei Paesi Bassi, e getta le basi di nuove teorie filosofiche e scientifiche. Nel 1637 pubblica a Leida tre saggi (Diottrica, Meteore e Geometria) e il Discorso sul metodo. Nel 1641 pubblica a Parigi le Meditazioni sulla filosofia prima.

Nel 1644 pubblica un intero corso di filosofia presentando le sue nuove idee come vere e proprie tesi: Principi di filosofia (1644). Muore a Stoccolma per un'infreddatura nel 1650, dove si era recato per dare lezioni alla Regina sua grande estimatrice.

Noto in tutto il mondo come il filosofo del "Penso, dunque sono", il suo pensiero affonda le radici sulla generale rivisitazione del sapere tradizionale, la ricerca di un nuovo metodo per lo studio filosofico e scientifico basato sul modello matematico, e la centralità dell'uomo e del pensiero nei processi di studio della conoscenza umana, dell'esistenza di Dio e dell'immortalità dell'anima. (Fonte TRECCANI)

Condividi lo speciale