Seguici    
Accedi
 

Ecomuseo Casilino: territorio, cultura e comunità

Secondo l’IRES (Istituto per le ricerche Sociali e Economiche) l’Ecomuseo è un'istituzione culturale che si fonda su un patto attraverso il quale una comunità si impegna a prendersi cura di un territorio,  inteso sia in senso fisico che come storia della popolazione che ci vive e delle relazioni e dei segni materiali e immateriali lasciati da coloro che lo hanno abitato in passato.

 

L'Associazione per l'Ecomuseo Casilino ad Duas Lauros, nasce nel 2012 a Roma e precisamente nel quartiere multietnico di Torpignattara, a ridosso dell'antico acquedotto romano, per estendersi poi anche ai quartieri limitrofi quali Centocelle, Pigneto, Casilino, Gordiani, realizzando di fatto il più grande ecomuseo urbano italiano.

 

Questo Speciale di Rai Scuola è interamente dedicato all'Ecomuseo Casilino e alle sue numerosissime e importanti attività che porta avanti, tutte completamente autofinanziate ma lavorando in sinergia con enti pubblici quali il Municipio Roma V, il dipartimento di Storia Culture Religioni dell'Università La Sapienza nonché molte scuole del territorio come il Liceo Classico Benedetto da Norcia e l'I.C. Laparelli; ma anche in collaborazione con associazioni e onlus quali Asinitas, Casa Scalabrini e CPIA (Centro Provinciale Istruzione Adulti).

 

Le interviste realizzate da Rai Scuola:

 

- Claudio Gnessi, Presidente dell'Associazione per l'Ecomuseo Casilino ad Duas Lauros, che ci ha raccontato la nascita del progetto, il suo sviluppo e soprattutto le sue molte attività e diramazioni fino al sottoprogetto Co.Heritage dedicato alla multiculturalità e inserito nell'Anno Europeo del Patrimonio Culturale 2018.

 

- Stefania Ficacci, membro del comitato scientifico dell'Ecomuseo Casilino, nata e cresciuta a Torpignattara, che dopo la laurea in Storia contemporanea (con una tesi proprio sulla storia del suo quartiere) è tornata a mettere le sue competenze al servizio del proprio territorio, attraverso attività di divulgazione della storia e della memoria di Torpigna quali le visite guidate e la realizzazione di "Pietre d'inciampo".

 

- Alessandro Zoppo, tra i fondatori del Karawan Fest, progetto di cinema itinerante e multiculturale tra le strade di Torpignattara: dagli spazi di scuole, associazioni ed enti pubblici fino ai cortili di case private messe a disposizione dai cittadini per le proiezioni dedicate alle varie comunità con cicli di cinema arabo, cinese, rumeno e bengalese sottotitolati in italiano, spesso in anteprima nazionale.

 

- Maddalena Valente, maestra di scuola primaria presso l'I.C. Laparelli di Torpignattara, che ha partecipato alle attività dell'Ecomuseo attraverso la collaborazione con il laboratorio sulla multiculturalità di Carmelo Russo per i bambini (ma anche per genitori e insegnanti) intitolato "Conoscere per capire".

 

Per tutte le info rimandiamo al sito dell'Ecomuseo: www.ecomuseocasilino.it