Seguici    
Accedi
 

Lo stato dell`arte - La TV fa ancora parte dei mass media?

 

La tv fa ancora parte dei mass media? Enrico Menduni pensa proprio di sì. Indubbiamente nei decenni passati la tv generalista radunava sconfinate platee di telespettatori, mentre oggi è stata in parte sostituita dalla tv on demand e dalla web tv. Ma il suo potere aggregante è ancora vitale quando trasmette i grandi eventi. Perché se è vero che Internet ha cambiato la fruizione della tv, è anche vero che solo quest'ultima è in grado di mantenere “l'effetto piazza”, mettendo insiememigliaia di utenti davanti allo schermo per seguire simultaneamente un evento importante. Di altra idea è Massimo Canevacci, che mette in discussione il primo termine dell'espressione “mass media”, il termine “massa”. La tv ha perso il suo tradizionale ruolo di mediazione tra chi trasmette i programmi e i telespettatori perché questi ultimi non costituiscono più una massa: la massa non esiste più. Esistono ormai i singoli utenti che, grazie al digitale, hanno una fruizione individuale dei contenuti, scelgono cosa seguire e cosa vedere attraverso percorsi molto diversi tra loro. La tv mantiene il suo appeal con i grandi eventi? Sì, ma solo con questi. Per tutto il resto gli utenti hanno altri media.