Seguici    
Accedi
 

Rai porte aperte: i progetti di alternanza scuola- lavoro

C’è chi ha realizzato un vero telegiornale e chi ha scelto di raccontare un territorio da punti di vista “controcorrente”, chi ha condotto inchieste e chi ha creato una web tv. In comune, a tutti, il fatto di essere giovani. Perché gli autori sono i ragazzi delle quattordici scuole superiori italiane selezionate da Rai tra le 85 che hanno risposto al bando indetto nel marzo 2017 per percorsi formativi in collaborazione con gli istituti scolastici, con formazione in aula e in Rai nell’ambito del progetto Porte Aperte, a cura della direzione Comunicazione, Relazioni Esterne, Istituzionali e Internazionali. A loro disposizione, 50 ore in Rai per scoprire i mestieri della televisione.

Obiettivo del progetto Rai è stato creare un ponte tra istruzione e mondo del lavoro come previsto dalla "Buona Scuola” (legge 107/2015) e la  partecipazione delle classi è stata subordinata all’invio di un progetto di alternanza scuola-lavoro sui temi della comunicazione e del giornalismo.

Le testate Rai che hanno dato la disponibilità sono state Tg1, Tg2, Gr e  Tgr, in tutta Italia.

Una volta selezionati i progetti, il tutor individuato da ciascuna Testata è entrato in contatto con la classe e ha avviato una collaborazione per lo sviluppo del progetto formativo presentato, per un totale di 50 ore di cui 10 in azienda e 40 presso la scuola.

In questo speciale vediamo le esperienze del Liceo “G. Perticari” di Senigallia (AN), del Liceo “Tacito” di Roma e del Liceo “Gioacchino da Fiore” di Cosenza.