Seguici    
Accedi
 

Madre Teresa di Calcutta

 

Il 5 settembre 1997 moriva Madre Teresa di Calcutta. Lo Speciale di Rai Scuola rende omaggio a questa eccezionale figura femminile proponendo due documentari sulla sua vita e una ricostruzione per date delle tappe fondamentali della sua azione in favore degli ultimi. 

Teresa di Calcutta nasce, con il nome di Agnes, da una famiglia benestante d’origine albanese a Skopje (ora Macedonia), il 26 agosto 1910. Ultima di cinque figli, studia nella scuola pubblica e ha una infanzia felice fino alla morte del padre Nikola, avvenuta nel 1919, che lascia la madre in difficoltà finanziarie. Nel 1928 lascia la famiglia per entrare in qualità di postulante nell’Ordine della Beata Vergine Maria, noto come le «Suore di Loreto». A Rathfarnham, nei pressi di Dublino, assume il nome di Mary Teresa, in onore di santa Teresa di Lisieux. Il 10 dicembre si imbarca per l’India e il 6 gennaio 1929 è a Calcutta. Il 23 maggio successivo diventa novizia nell’Ordine delle Suore di Loreto a Darjeeling, sulle pendici dell’Himalaya. Rimandata a Calcutta, riceve il compito di insegnare nella scuola per ragazze St. Mary. Nel 1935 le viene affidato un nuovo insegnamento presso la scuola elementare di Santa Teresa e qui entra in più diretto contatto con la dura realtà sociale di Calcutta. Il 24 maggio 1937 fa professione di voti perpetui e nel 1944 diventa direttrice della scuola di St. Mary. Nel 1946 decide di fondare una congregazione al servizio dei più poveri. Il 12 aprile 1948 ottiene da Pio XII il decreto di «esclaustrazione» che le consente di lasciare l’Ordine di Loreto per iniziare la sua missione. A dicembre fonda una scuola nel quartiere degradato di Calcutta, Motijhil. Nel marzo 1949 si unisce a lei la prima consorella, Subashini Das, che prende il nome di Sister Agnes. Il 7 ottobre 1949 fonda ufficialmente la Congregazione delle Suore Missionarie della Carità. Il 14 dicembre 1951 diventa cittadina indiana e il 22 agosto 1952 apre, nei pressi di Kalighat, il principale tempio hindu della città, la casa per ammalati e moribondi, detta Nirmal Hriday («Cuore puro»). Nel 1955 apre a Calcutta lo Shishu Bhavan, l’istituto per bambini orfani e abbandonati, nel 1959 il centro per lebbrosi di Titagarh e il 29 maggio la sua prima missione al di fuori del Bengala occidentale a Ranchi, nell’odierno stato indiano del Jharkhand. Il 26 luglio 1964 Madre Teresa fonda la prima missione fuori dall’India, in Venezuela. L’espansione della Congregazione diventa costante e al ramo principale delle Missionarie della Carità si affianca a partire dal 1976 l’Ordine delle Missionarie della Carità Contemplative e dal 1979 il corrispondente Ordine maschile. In questo stesso anno, il 10 dicembre, Madre Teresa ottiene il premio Nobel per la pace. Muore il 5 settembre 1987 a Calcutta all’età di 87 anni e viene sepolta, dopo un funerale di Stato, nella Casa Madre della congregazione. Il 19 ottobre 2003 Giovanni Paolo II la proclama beata nella giornata Missionaria Mondiale, durante la settimana di celebrazioni per il 25° anniversario del suo pontificato. Il 4 settembre del 2016 è stata proclamata santa da papa Francesco, la sua festa è il 5 settembre.