"Un sacchetto di biglie": sopravvivere all'Olocausto

Il cinema racconta la storia

Tratto dall'omonimo romanzo autobiografico dello scrittore e sceneggiatore francese Joseph Joffo, pubblicato nel 1973, Un sacchetto di biglie racconta la storia vera di due giovani fratelli ebrei, Joseph e Maurice, che vivono nella Francia occupata dai Nazisti. Con coraggio, intelligenza e ingegno fuggiranno per anni da soli per sopravvivere all'Olocausto.

Il film, uscito al cinema nel 2018, è diretto dal regista canadese Christian Duguay. 

Una nuova opera utile ma anche abile che racconta gli orrori della guerra, il razzismo, l'oppressione, l'Olocausto, dal punto di vista dei bambini: Duguay lo fa senza particolare originalità, ma per lo meno senza facili pietismi o furbizie
Il Morandini

Per approfondire:

Sull'Olocausto:  web doc di Rai Cultura "Shoah"
                          Le leggi razziali del '38 in Italia
                          Shoah, storie italiane - I ragazzi di Villa Emma
                          Tv7 1963, il reportage dal ghetto di Roma

Sull'audiovisivo come strumento didattico: progetto INDIRE "La Scuola allo Schermo"

Un sacchetto di biglie in onda mercoledì 24 febbraio alle 21.25 su Rai Uno