Newton. Telescopi nello spazio

Newton. Telescopi nello spazio

Ventiduesima puntata

Newton. Telescopi nello spazio
Newton è il programma di informazione e approfondimento scientifico condotto da Davide Coero Borga che ci aiuta a capire meglio ciò che sappiamo e ci porta a scoprire le novità dal mondo della ricerca.

In questa puntata parliamo degli strumenti che ci permettono di indagare l’universo e lo fanno lontano dall’atmosfera terrestre: i telescopi spaziali. Giovanna Giardino, astronoma presso l’ESTEC, il centro scientifico e tecnologico dell’ESA nei Paesi Bassi, ci spiega perché per la ricerca sono così importanti i telescopi spaziali e le prime esperienze con il telescopio spaziale Hubble e poi con il più recente James Webb Space Telescope. A Firenze Isabella Pagano, direttrice dell’Osservatorio astrofisico dell’INAF di Catania e co-principal investigator della missione PLATO dell’Esa, e il responsabile Optronica e Spazio, Enrico Suetta, ci spiegano come sarà realizzato l’occhio composito del telescopio spaziale PLATO, ideato per andare a caccia di pianeti extrasolari.

Sulle rive del lago di Como, tra Merate e Lecco, ci sono la facility Beatrix dell’Istituto Nazionale di Astrofisica e una azienda che realizza i materiali utili per il prossimo osservatorio europeo nei raggi X, Athena. Ce ne parlano Bianca Salmaso, program manager BEaTriX dell’INAF, e il direttore tecnico scientifico Giuseppe Valsecchi. Pietro Ubertini, astrofisico dell’Istituto Nazionale di Astrofisica e vicepresidente del Comitato mondiale per la ricerca spaziale (COSPAR), ci spiega poi come i telescopi spaziali servano per osservare i fenomeni più estremi che si verificano nell’Universo con la cosiddetta astronomia multimessaggera. Mentre con Giuseppe Sarri, ingegnere presso il centro scientifico e tecnologico ESA di Noordwijk, non lontano da Amsterdam, e con l’astrofisico dell’INAF Luigi Piro facciamo il punto sui risultati scientifici raggiunti dalle recenti missioni e cerchiamo di capire cosa ci si attenda da quelle in preparazione.

In onda il 17 gennaio 2023 alle 21.00 su Rai Scuola (canale 57)