presenta...

Una giornata spaziale

30 Settembre 2016 11:30

30 SETTEMBRE 2016: UNA GIORNATA SPAZIALE!

L’accometaggio della sonda Rosetta in diretta su RAI SCUOLA

La sonda Rosetta è scesa il 30 settembre 2016, dopo quasi due anni di orbita sul suolo della cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko, ricongiungendosi con il modulo Philae.
Un evento storico che Rai Scuola ha raccontato con lo speciale “Una giornata Spaziale: scienziati tra la gente, Rosetta sulla cometa”.
Rosetta è scesa sulla cometa a una velocità quasi nulla così da raccogliere il maggior numero di informazioni possibili prima di posarsi. Le immagini sono state inviate a Terra in tempo reale e immediatamente proposte al pubblico di Rai Scuola in diretta TV.
La diretta-evento “Una giornata Spaziale: scienziati tra la gente, Rosetta sulla cometa” ha ospitato esperti dell’Agenzia Spaziale Italiana, di Leonardo-Finmeccanica (che ha costruito alcune parti delle sonde), di INAF e di Università Italiane (numerosi sono stati gli scienziati italiani impegnati nella missione) che hanno seguito e commentato un evento unico nella storia dell’esplorazione spaziale.
Nel corso dello speciale sono stati realizzati collegamenti con “La Notte Europea dei Ricercatori” che in Italia coinvolge ben 52 città da nord a sud della Penisola: un’iniziativa promossa dalla Commissione Europea il cui obiettivo è di creare occasioni di incontro tra ricercatori e cittadini per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca in un contesto informale, divertente e stimolante.


Spazio.
La sonda Rosetta verso la cometa


In questo servizio del Tg1 del 12/11/14 si ripercorre un evento storico: per la prima volta una sonda tenta di raggiungere una cometa. Philae si è già staccato dalla sonda madre Rosetta.
play

Guarda il video

I Numeri

0
marzo 2004 giorno del lancio ufficiale della missione ESA-Rosetta
0
i mesi di ibernazione di Rosetta durante il volo a causa della distanza dal sole
0
km la distanza minima da Marte raggiunta da Rosetta nel 2007
0
anni dal lancio di Rosetta all’atterraggio del lander Philae sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko
0
le ore di volo del lander Philae dalla sonda madre alla cometa
0
metro al secondo la velocità di Philae prima dell’atterraggio
0
novembre 2014 il giorno dell’atterraggio di Philae sulla cometa
0
km l’attuale distanza di Rosetta dalla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko

La storia della missione Rosetta
in 5 minuti


Rosetta è una missione spaziale sviluppata dall'Agenzia Spaziale Europea e lanciata nel 2004.
L'obiettivo della missione è, dopo un cambio dovuto alla posticipazione del lancio, lo studio della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.
La missione è formata da due elementi: la sonda vera e propria Rosetta e il lander Philae.
Il nome della sonda deriva dalla stele di Rosetta perché si spera che la missione sveli dei segreti riguardanti il sistema solare e la formazione dei pianeti.
Il nome del lander deriva dall'isola di Philae, in cui fu ritrovato un obelisco che ha aiutato la decifrazione della stele di Rosetta.
play

Guarda il video

Alla scoperta dello spazio

Memex: Missione su Marte

Il prossimo obiettivo dell’esplorazione umana dello spazio sarà atterrare su Marte - tra 20, 30 o 40 anni è certo, comunque, che vi sarà la prima una missione umana su Marte. Ma prima della missione umana, ce ne sono state già molte altre. Sul Pianeta Rosso ci sono già alcuni piccoli robot, rover, che perlustrano, cercano e inviano dati. Ce ne parla in questa puntata di Memex, Roberto Battiston, presidente dell’ ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana.
Tra poco partirà Exomars, la missione dell’Agenzia Spaziale Europea – con il forte contributo dell’Agenzia Spaziale Italiana - che con due spedizioni, nel 2016 e nel 2018, cercherà tracce di vita nel sottosuolo del Pianeta Rosso e forse potrà dare una risposta al mistero della vita nell’Universo.

Memex: Missione su Marte

Memex - L’Italia nello spazio

Sin dagli anni ‘50 l’Italia ha realizzato che lo spazio è strategico. Nello Spazio, siamo un Paese all’avanguardia. La nostra tecnologia equipaggia le navi spaziali e i satelliti, che orbitano intorno alla Terra o che viaggiano nel silenzio della galassia.
Nel 1964, l’Italia è divenuto il terzo paese, dopo Stati Uniti e Unione Sovietica, a lanciare un satellite artificiale, il San Marco, partito dalla base statunitense di Wallops Island, in Virginia in virtù di un primo accordo con gli Stati Uniti in materia spaziale. Oggi, oltre alla nostra importante partecipazione nell’Agenzia Spaziale Europea, l’Italia ha strettissimi e collaudati rapporti con la NASA.
Ne parla a Memex Roberto Battiston – presidente dell’ ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana.

Memex - L’Italia nello spazio

Nautilus - Giovanni Bignami racconta la nascita dell’universo

Nautilus , il programma di Rai Cultura condotto da Federico Taddia, dedica una grande avventura della Scienza alla scoperta della nascita dell’Universo in compagnia dell’astrofisico Giovanni Bignami, grande divulgatore e Presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica.
Un viaggio per parole e per immagini, ma anche con un oggetto utilizzato in studio dallo scienziato - un modello del Sistema Solare - per scoprire la vita dai primi minuti dopo il Big Bang alle stelle e alle comete, fino agli atomi.
Protagoniste della puntata sono anche le grandi sfide scientifiche contemporanee – come “Rosetta”, la più ambiziosa missione verso un oggetto celeste mai realizzata - e le indimenticabili voci del passato, come la testimonianza filmata della più grande astrofisica italiana, Margherita Hack.

Nautilus - Giovanni Bignami racconta la nascita dell’universo

Volare sulla stazione spaziale

In questa puntata di "Spazio,. Storia del Futuro" saliremo a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Tutti gli astronauti italiani che vi hanno soggiornato raccontano la propria esperienza e gli ingegneri che l’hanno costruita svelano alcuni segreti inediti. Non mancano le immagini spettacolari riprese dagli astronauti nel corso delle loro missioni durate anche sei mesi.

Volare sulla stazione spaziale

Memex: Perché andare nello spazio

L’uomo va nello spazio. Lo fa per 1000 ragioni. Ragioni culturali ‐ lo spazio come proiezione ideale e filosofica ‐ ragioni scientifiche e ragioni di altro tipo. Ricordiamo com’è nata la “corsa allo Spazio”: è stata un capitolo importante della Guerra Fredda, il grande confronto tra Stati Uniti e Unione Sovietica che ha caratterizzato la seconda metà del ‘900 fino alla caduta del Muro di Berlino.
Un confronto politico, militare, economico e sociale, in cui la “corsa allo Spazio” era la proiezione politica e culturale della supremazia di USA e URSS. La dimostrazione di capacità tecniche ‐ dalla balistica alle telecomunicazioni, fino ai nuovi materiali, solo per citarne alcune – con ovvie implicazioni strategiche e militari. Ne parla a Memex Roberto Battiston – presidente dell’ ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana.

Memex: Perché andare nello spazio

In viaggio con Parmitano

In questa puntata di "Spazio. Storia del futuro", Luca Parmitano, l’astronauta italiano in orbita a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, ha realizzato un tour in esclusiva per Rai Cultura all’interno della stazione orbitante, mostrando le più importanti caratteristiche del laboratorio spaziale. Da lui stesso e da altri astronauti inoltre, sono giunte a Terra immagini di una bellezza e di una rarità unica che verranno mostrate durante la puntata. Verranno raccontanti anche i momenti più drammatici della sua passeggiata spaziale, quando ebbe un incidente al sistema di raffreddamento della tuta che rischiava di farlo annegare. Parmitano ci racconterà anche come ci si prepara ad una missione del genere.

In viaggio con Parmitano

Galleria fotografica

PER SAPERNE DI PIU’